Ascensione del signore – christo torna al padre e camina con noi

Cinque  versetti bellissimi.  Matteo  fa concludere la missione di Gesù su questa  terra lì dov’era iniziata,  in Galilea, e nel quadro finale lo mostra in compagnia degli undici apostoli.

Si prostrano e dubitano. Il testo greco non  fa capire se tutti si prostrano e tutti dubitano ma, considerando il gruppo come una unità, entrambi gli atteggiamenti sono presenti:  si prostrano e quindi lo riconoscono come Figlio di Dio, dubitano e quindi la loro fede non è ancora chiara e forte. Probabilmente l’evangelista vuole evidenziare che gli apostoli, in questo  momento, non  sanno ancora bene come considerare Gesù risorto e come relazionarsi a lui. Si chiariranno dopo, con il dono  dello Spirito.

Ma proprio a loro, credenti  e dubbiosi contemporaneamente, Gesù affida se stesso e la missione di evangelizzare il mondo intero.

Inizia con l’affermazione del suo potere divino: è lui il Signore dell’universo che ha salvato l’umanità e, come il Padre, vuole che tutti gli uomini siano salvi. E proprio perché ne ha il potere, affida la missione, che lui ha iniziato, agli apostoli che devono  arrivare dove lui non  è arrivato: raggiungere tutti i popoli. Una missione personale per i suoi amici, ma che non si ferma a loro, perché essi sono il fondamento della Chiesa, la quale continuerà la stessa missione fino alla fine dei tempi.

L’opera da realizzare  è una sola: far diventare  discepoli di Gesù tutti i popoli di tutti i tempi.

Gli strumenti sono  due: insegnare  a vivere i comandamenti di Gesù, il Vangelo, un insegnamento che passa attraverso  la parola  e la testimonianza; battezzare, nel nome  del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, coloro che credono. Battezzare vuol dire immergere e questo significa che chi è battezzato riceve in dono  la partecipazione alla vita stessa di Dio, perché muore  alla vita vecchia e rinascendo partecipa,  in forma  iniziale,  della risurrezione di Cristo.

Per realizzare la missione «divina» che hanno ricevuto, gli apostoli, e la Chiesa, hanno a disposizione lo stesso potere  di Gesù e questo  viene detto  con una espressione carica di verità e di affetto che esalta il contenuto teologico e spirituale: Gesù stesso sarà sempre con i suoi amici in tutto lo svolgimento della missione fino alla fine del mondo.

SPUNTI PER L’ATTUALIZZAZIONE E LA PREGHIERA

  1. «Essi però dubitarono». Gesù lo sa e, forse, proprio per questo si fida tanto da affidare loro la missione di portare  il Vangelo, cioè lui stesso, nel mondo. Non  c’è bisogno  di essere «perfetti» per testimoniare e portare Gesù agli altri. Ci inginocchieremo e dubiteremo anche noi, fino a quando il Signore ci chiamerà a sé.
  2. «A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra». E Gesù lo trasmette agli A volte interpretiamo questo potere con la logica terrena. È invece il potere di Dio, quello di salvare tutti. È questo  il potere  che ci interessa o cerchiamo ancora l’altro?
  3. «… insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato». Battesimo e insegnamento sono stretta- mente collegati. Non tutti noi battezziamo, ma tutti possiamo «insegnare» il Vangelo agli altri, basta conoscerlo e viverlo. Lo Spirito Santo ha il compito di suggerirci le parole  giuste, quando ci viene chiesto  di parlare.
  4. «Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo». Promessa che rivela un affetto divino infinito Vale per la Chiesa, per gli apostoli, ma anche per ciascuno di noi. La preghiera ci fa gustare la bellezza del camminare per le strade del mondo, sapendo che lui cammina con noi.

PROPOSTA DI IMPEGNO DELLA SETTIMANA

Coltivare la consapevolezza che non  siamo soli, che il Signore è vicino e ci ama.

Kommentare sind geschlossen.

Create a website or blog at WordPress.com

Nach oben ↑